FORMAZIONE ABILITANTE

Formazione abilitanteNell'ambito della formazione istituzionale vengono organizzati corsi di formazione professionale necessari per l'acquisizione di abilitazioni nei settori alimentare, commerciale e immobiliare, in ottemperanza alle rispettive normative regionali e nazionali.

Gli standard professionali e formativi dei corsi sono disciplinati dalla Delibera di Giunta Regionale n. 9/887 del 1° dicembre 2010. 

Questi i corsi che periodicamente vengono organizzati:

Requisiti per l'ammissione ai corsi 

Cittadini italiani:

  1. aver compiuto i 18 anni di età
  2. essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di primo grado (per i primi 2 corsi, ossia corso abilitante all'attività di vendita di prodotti alimentari e di somministrazione di alimenti e bevande e per il corso per agenti e rappresentanti di commercio) e diploma di scuola secondaria di secondo grado (per il corso abilitante per agenti d'affari in mediazione). 

Cittadini comunitari: 

  1. aver compiuto i 18 anni di età
  2. essere in possesso del titolo di studio equivalente a quello indicato per i cittadini  italiani
  3. avere capacità di espressione e comprensione orale e scritta della lingua italiana, valutata attraverso un test di ingresso (solo per i titoli di studio conseguiti all'estero).

Cittadini extracomunitari:

  1. aver compiuto i 18 anni di età
  2. essere in possesso del titolo di studio equivalente a quello indicato per i cittadini italiani
  3. avere capacità di espressione e di comprensione orale e scritta della lingua italiana, valutata attraverso un test d'ingresso (solo per i titoli di studio conseguiti all'estero)
  4. essere in regola con le normative vigenti in materia di permesso di soggiorno

Per i titoli di studio conseguiti all'estero sono richiesti i seguenti documenti:

  • in Paesi comunitari e della Confederazione Svizzera: la traduzione asseverata del titolo di studio (consiste in una  traduzione resa ufficiale con giuramento da parte del traduttore innanzi al tribunale, al giudice di pace o a un notaio)
  • in Paesi extracomunitari: la dichiarazione di valore del proprio titolo di studio.

La dichiarazione di valore è un documento rilasciato dalla rappresentanza diplomatica - consolare italiana nel Paese al cui ordinamento appartiene la scuola che ha rilasciato il titolo. Non possono essere accettate eventuali dichiarazioni di valore rilasciate dalle rappresentanze straniere in Italia. 

Per i titoli di studio rilasciati in Italia è possibile l'autocertificazione, ai sensi dell'art. 46 del DPR 28/12/2000 nr. 445, come esplicitato dall'art. 2 del DPR 394/1999. Pertanto un titolo di studio conseguito all'estero da cittadini italiani o stranieri non può essere oggetto di autocertificazione.

Per iscriversi


Per informazioni:
Bergamo Sviluppo
e-mail: bergamosviluppo@bg.camcom.it
Tel. +39 035 3888011 - fax +39 035 247169

Orari segreteria:
lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 8.30 alle 13.30
martedì e giovedì, dalle 8.30 alle 16.30

Questo sito utilizza solamente cookie tecnici per darvi la migliore esperienza di navigazione. Avvisiamo inoltre, che utilizziamo il servizio esterno Google Analytics a solo scopo statistico.